Translate

venerdì 20 luglio 2018

CORRETTORE ORANGE STEFANIA D'ALESSANDRO MAKE-UP - COPRIOCCHIAIE ED ILLUMINANTE!



www.sdmakeup.com/prodotti-trucco/cream-foundation

COPRIOCCHIAIE ED ILLUMINANTE CONTORNO OCCHI

Correttore per occhiaie blu, illuminante per i punti luce del viso, indispensabile per il contouring. 


Applicare una piccola quantità di prodotto con la spugna trucco, pennello o polpastrello, sfumare e fissare con cipria in polvere. 


ORANGE SMALL
confezione 3,5 g - www.sdmakeup.com/…/cream-foun…/cream-foundation-orange-small



giovedì 19 luglio 2018

LINEA TRUCCO STEFANIA D'ALESSANDRO MAKE-UP

A breve sul blog tanti bellissimi make-up realizzati con questa insostenibile linea cosmetica!
on-line su www.sdmakeup.com/prodotti/categorie

trova il punto vendita su: www.sdmakeup.com/
MakeUp by Giorgia Di Giorgio Ideas
http://makeupartistgiorgia.blogspot.it/
Altre proposte make up sulla mia pagina FB e Instagram
https://www.instagram.com/giorgiadigiorgiomakeup/
https://www.facebook.com/giorgiadigiorgio.gallery

Grazie a tutti per l'attenzione e buon proseguimento di giornata. 

martedì 17 luglio 2018

CORSO DI TRUCCO STEFANIA D'ALESSANDRO MAKE UP | ROMA 28 GENNAIO 2019 - NUOVA SEDE CORSO!


NUOVA SEDE CORSO: ABITART HOTEL - Via P. Matteucci, 10 a ROMA
I CORSI SONO TENUTI PERSONALMENTE DA STEFANIA D'ALESSANDRO INFO ED ISCRIZIONI: 06 37500609 - 06 37500610 info@sdmakeup.com

il corso di trucco si sviluppa in 9 lezioni di 8 ore | orario: 09.00 -14.00 | 15.00-18.00
calendario corso: lunedì 28 gennaio  lunedì 04 febbraio  lunedì 11 febbraio lunedì 18 febbraio  lunedì 25 febbraio  lunedì 04 marzo lunedì 11 marzo  lunedì 18 marzo  lunedì 25 marzo.

mercoledì 4 luglio 2018

CORSI DI TRUCCO STEFANIA D'ALESSANDRO MAKE-UP




0637500609 0637500610
info@sdmakeup.com
COSENZA 07 OTTOBRE 2018
NAPOLI 11 NOVEMBRE 2018
ROMA 28 GENNAIO 2019

martedì 3 luglio 2018

CONSIGLI DAL MONDO DELLA NATURA GIUGNO…LUGLIO


Il nome giugno deriva dal latino Iunius che significa Giunone la dea dell’abbondanza romana a cui il mese viene dedicato. Sesto mese dell’anno attraversato nella data del 21 dal solstizio d’estate, ci inonda con il suo sole ormai quasi estivo, segnato dalla chiusura delle scuole e la sensazione gradevole di vacanza anche senza allontanarci in viaggi oltre confine.

Ricordo un bel sonetto di Neruda che nei suoi versi ci riporta a questo periodo di profumi di poesia:

“Era verde il silenzio, bagnata era la luce, tremava il mese di giugno come farfalla”.

Il nome luglio deriva dal latino Julius, cioè Giulio Cesare che nacque il 13 del mese ed è il settimo mese dell’anno. Qui l’estate è al pieno con la sua massima fioritura e la raccolta dei suoi abbondanti frutti.

Un simpatico proverbio ci ricorda i mesi passati fino ad arrivare a questo periodo:
“D'aprile non ti scuoprire, di maggio vai adagio, di giugno cavati il codigugno, e se non pare tòrnatelo a infilare; di luglio vattene ignudo.”

SALUTE

Questi mesi ci vogliono ridare vitalità all’organismo trascorrendo più tempo all’aria aperta ma facendo attenzione alla pelle e al microcircolo essendo sottoposta a temperature più elevate e la sudorazione eccessiva fa vacillare i sali minerali. Vi lascerò dei brevi appunti su come approcciarsi con l’alimentazione per affrontare lievi disturbi caratteristici di questi mesi, senza far uso di integratori o piante specifiche ma lasciando un approccio più libero e attingendo in normali e semplici abitudini che si potranno ripetere in questo momento ma anche durante l’estate. I pasti in generale sono più leggeri e si ha voglia di spensieratezza anche nella cura del nostro corpo senza rispettare rigide regole. Piacevoli pause con alimenti che non disturbano la nostra quotidianità.
La depurazione rimane sempre una buona formula per ridare freschezza e ordine al nostro organismo. In questa stagione lancio degli ottimi rinfrescanti centrifugati di verdura e frutta.
Possiamo prepararli o gustarli serviti nelle formule tradizionali come mela e carota (vitaminico e antiossidante) o assaggiarli in innumerevoli combinazioni. Eccone alcune:
Drenante: pompelmo, cetriolo e menta.
Abbronzante, diuretico, digestivo: melone, pesca e zenzero
Riminalizzante: mirtilli, lampone e susine
Depurativo: cetriolo, mela verde e zenzero
Dissetante e ipocalorico: pomodoro e sedano
Dissetante: pesca, fragola e anguria
Energetico, depurativo e dissetante: spinaci, cetriolo, mela, limone e prezzemolo
Antiossidante, digestivo, depurativo: tropicale con ananas, avocado e papaya
Rafforzamento per la vista e i capillari: asparago e pomodoro
Dimagrante: sedano, finocchio e zenzero

Sono solo alcuni suggerimenti ma si trovano comunque svariate soluzioni di gusti. Ognuno di questi cocktail di vitamine, sali minerali e acqua possono equilibrarci sorseggiandoli al momento. Contengono pochissime calorie (in base agli ingredienti scelti) ma regalano senso di sazietà, l’importante è non eccedere e non sostituirli ai pasti ma affiancarli. Per chi li prepara da sé, ricordarsi di usare preferibilmente frutta biologica matura al punto giusto e tagliarla a pezzetti con tanto di buccia.


Giugno Colore: oro; Fiore: FIORDALISO; Pietra: Perla o pietra di luna
Luglio Colore: turchese; Fiore: LAVANDA; Pietra: Rubino

FRUTTA
Le ciliegie per chi piacciono, sono ricche di flavonoidi e vitamine che favoriscono il collagene, mentre il suo succo per chi è sempre in movimento è un vero toccasana. È un frutto poco calorico e la sua polpa in alcuni casi viene usata come maschera di bellezza. Ve ne lascio un esempio:
Per combattere le rughe, tonificare e rinfrescare la pelle, prendere 3 ciliegie ben mature e 3 cucchiaini di miele naturale. Dopo aver schiacciato la polpa delle ciliegie si mescola con il miele. Stendere la maschera sul viso e sul collo, evitando le zone vicine agli occhi. Massaggiare delicatamente con movimenti circolari e lasciare in posa per 30 minuti circa. Sciacquare con acqua tiepida.
In alternativa per ottenere un effetto astringente e rassodante su pelle grassa, procurarsi 4 ciliegie mature e dopo aver schiacciato la loro polpa stenderla direttamente il composto sul viso e collo.
Sono un potente antiossidante e utili contro infiammazioni e dolori alle articolazioni. Le ciliegie sono diuretiche, depurano il fegato e favoriscono il buon sonno. Aiutano chi soffre di stipsi e grazie al buon contenuto di potassio, sono consigliate nella dieta per ipertensione. Come controindicazioni, siamo a cavallo, infatti se non per specifiche allergie soggettive o per scorpacciate in eccesso che possono fare da lassativo, le ciliegie sono ideali a tutti: anche celiaci, diabetici e obesi data la loro costituzione.

Le fragole fanno da regine sia da sole che in macedonia, frullati, gelati e risotti. Ha un modesto contenuto calorico, ma contiene fibre, acqua, potassio, manganese e vitamine utili come antiossidante, combattere reumatismi, ritenzione dei liquidi, favorire la depurazione e disintossicazione, di aiuto nell’igiene orale e nel tono dell’umore. Può essere assunta nelle diete dei diabetici e schiacciandola e lasciata agire qualche ora calma le scottature solari. Hanno un potere allergizzante per cui fare attenzione per dermatiti ed eczemi ma non contengono glutine.
Anche le fragole come le ciliegie si adoperano da sole o miscelate ad altri ingredienti per ricette di bellezza. Nutrono e rassodano l’epidermide combattendo le rughe ma in contrapposizione deterge la pelle impura e grassa con un tono astringente.
Una ricetta facile, leggera ed inusuale è il risotto alle fragole che personalmente mi piace tantissimo. Troverete molte versioni, a voi la scelta ma di certo vi stupirà. Vi propongo la preparazione base:
per 2 persone.
170 gr di riso - 120 gr di fragole - 1/4 di cipolla - brodo vegetale - olio extravergine d’oliva o burro - sale.
Soffriggere leggermente a fiamma bassissima la cipolla, innanzitutto, in una padella con un poco di burro o olio. Versare il riso nella stessa padella e farlo tostare per qualche minuto. Unire, ora, anche il brodo vegetale e farlo mantecare, aggiungendone di tanto in tanto, man mano che si addensa, dell’altro brodo. A metà cottura aggiungeteci le fragole lavate e tagliate a piccoli pezzetti.  Durante la cottura se piace aggiungere del parmigiano grattugiato.

L’anguria rimane per tanti il frutto dell’estate. Disseta e soddisfa i gusti di tutti. A volte accompagna le nostre serate, si sostituisce ad un pasto o a una merenda sia in città che in vacanza. Contiene potassio, magnesio, vitamine e sali minerali, pochi zuccheri e calorie. Ha moltissima acqua (circa il 90%), che contribuisce alla corretta idratazione del corpo, più importante che mai in questi mesi ma se avete difficoltà digestive tutta questa acqua diluisce i succhi gastrici e tende a rallentare la digestione. Stimola la serotonina, che favorisce un buon riposo. Benefica per la pelle ed antiossidante, combattendo i radicali liberi e l’invecchiamento cellulare. L'anguria è un frutto energetico. Aiuta a prevenire le malattie cardiache e l’ipertensione. Personalmente mangio anche i semi, non essendoci controindicazioni ma anzi contengono innumerevoli proprietà, però complimenti per la pazienza per chi riesce a ripulirla tutta prima di gustarla. Una piccola curiosità e ricordo di bambina è di aver acquistato a Palinuro durante una vacanza una collana fatta proprio di questi semi, un oggetto veramente originale.

In questi due mesi comunque la frutta che si può trovare nella nostra spesa è svariata: meloni, fichi, lamponi, ribes, albicocche, pesche, prugne.
La verdura di stagione che possiamo scegliere varia da cetrioli, melanzane, peperoni, pomodori, zucchini, ravanello.

Un altro alimento che ultimamente ho aumentato ad assumere senza volere, ma solo per pura golosità, è l’oliva. Allora mi son chiesta se non eccedevo troppo e se questa mia voglia inconsueta potessi crearmi degli scompensi e così ho scoperto altre curiosità più di quelle che già conoscevo. Senza annoiare su quante olive esistono, sull’olio che si produce vi parlo dell’oliva in sé stessa.

Un piccolo frutto dal gran potere antiossidante contenendo vitamina E. Mangiare regolarmente olive aiuta a mantenere una buona circolazione sanguigna in tutto il corpo perché ricca di ferro e rame, due composti preziosi per la produzione di globuli rossi.
Si possono consumare come aperitivo, negli antipasti, insalate, nei primi e secondi o nei prodotti da forno (pane, focaccia).

Grazie alla presenza di Vitamina A, sia la nostra vista così come le nostre ossa ne trarranno beneficio. Aiuto per le nostre difese immunitarie grazie alle sue proprietà antibatteriche, così come alla nostra digestione essendo ricche di fibre che migliorano il nostro intestino. Hanno grassi monoinsaturi (grassi buoni) che contribuiscono ad abbassare il colesterolo totale e ridurre il rischio di malattie cardiovascolari. Attenzione a quelle in salamoia che sono molto ricche di sale e vanno dunque mangiate con moderazione soprattutto in caso si abbiano problemi di ipertensione, o ritenzione idrica. Gustate con moderazione, verdi, nere o al forno o farcite non fanno sentire in colpa se solo si presta attenzione come con tutti gli alimenti anche perché stimolano l’appetito e in questo periodo estivo noi donne siamo allarmate dalla prova costume.

L’olio d’oliva è un efficace antirughe sia per il viso che per il contorno occhi, ne bastano poche gocce da massaggiare sul viso la sera, prima di andare a dormire o una garza imbevuta per una trentina di minuti su scottature ed eritemi.

 

mercoledì 30 maggio 2018

CONSIGLI DAL MONDO DELLA NATURA - MAGGIO RISVEGLIA I CUORI



Possiamo iniziare questa mini rubrica ricordando una poesia di Carducci che dice così:

“Maggio risveglia i nidi,
Maggio risveglia i cuori,
porta le ortiche e i fiori,
i serpi e l’usignol”.

Versi che mi piacciono perché riportano pensieri di nascita ed amore verso la natura con le sue contrapposizioni.
Maggio deriva dal nome latino maius che significa grande.
Un mese ricco di festività, come la festa del lavoro e la festa della mamma ed altre che derivano dalla cultura cristiana, ma a parte queste piccole e comuni curiosità, ci troviamo in un mese nel pieno della primavera, dove il piacevole tepore si oppone ad incerti e ballerini cambi climatici.
Per il nostro corpo è bene ricordare alcuni accorgimenti di prevenzione come: la ritenzione idrica per sgonfiare il nostro organismo, i capillari e le vene varicose che con i primi caldi danno problemi con la circolazione e in prima linea il delicato tema delle allergie che raggiunge il suo culmine.
Vorrei questa volta stravolgere la scaletta del nostro appuntamento mensile, dando più spazio ed importanza ad un fiore che secondo me rappresenta e fa da regina in questo periodo dell’anno, la ROSA.

Vi elencherò solo alcune delle sue svariate ed eccezionali proprietà perché esistono varie tipologie ed ognuno dei suoi petali può aiutare internamente ed esternamente il nostro corpo.
In commercio la troviamo in diverse forme di assunzione, tra cui gli oli, i gemmoderivati o fiori e frutti essiccati per decotti.
In generale il suo olio essenziale ha funzioni importanti sul sistema nervoso, sulla digestione e la sessualità, mentre i petali sono ricchi di minerali come il potassio, rame e iodio, vitamine del gruppo C, B, e K fondamentale per le cellule del sangue.

La ROSA CANINA è un fiore spontaneo molto diffuso in Italia e aiuta a combattere le allergie aiutando il sistema immunitario, da utilizzare come vero e proprio integratore di vitamina C, associandola con l’Acerola. I frutti contengono questa vitamina in grande quantità molto più che negli agrumi. Un rimedio base è il suo infuso, utilizzando un cucchiaio colmo di rosa canina in bacche unito ad una tazza d’acqua nel momento di ebollizione. Coprire per 10 min. filtrare e lasciarlo raffreddarlo per poi gustarlo addolcito dal miele lontano dai pasti. Le bacche sono usate per produrre marmellate e the. L’olio di questa rosa ma anche il decotto è usato in cosmetica per ringiovanire una pelle stanca e invecchiata ma anche contro l’acne.

La ROSA GALLICA o comunemente rosa comune, la più classica delle rose che grazie ai suoi petali scarlatti o di rosa intenso (oltre ad esser simbolo d’amore romantico) sono usati in erboristeria perché ricchi di proprietà. Li usiamo in tintura madre o in tisana ma anche in cucina i petali di rosa possono essere canditi e usati per produrre sciroppi e conserve (in commercio esistono di natura biologica e per uso alimentare).
Favorisce la digestione se dopo i pasti abbiamo qualche difficoltà e ci sentiamo gonfie per cui possiamo bere una tisana di petali (unendo anche basilico, menta e fiori di achillea) al termine della cena.
Aiuta nel caso di stomatite e gola arrossata. In generale ha proprietà astringenti e toniche.

La ROSA DAMASCENA riesce a donarci calma grazie al suo profumo intenso che ci fa ritrovare tranquillità e staccare dal nervosismo, infatti è anche usata per aiutare il sonno e nelle emicranie. L’olio essenziale puro al 100% è molto costoso perché viene distillato con estrema parsimonia, per poche gocce ci vogliono innumerevoli petali mane esistono alcuni meno cari perché già diluiti. Infatti l’olio puro in questo caso non può essere usato data l’alta concentrazione di principi attivi. Gli oli essenziali vanno diluiti in un altro olio vegetale (chiamati olio portante o olio vettore) di nostra scelta combinando le varie proprietà.  Da qui deriva anche l’acqua di rosa che è un’alternativa meno costosa, per detergere la nostra pelle dissetandola con leggerezza.
L’efficacia di questo olio è molteplice: calma la fame nervosa, risveglia la sessualità e rilassa.
Si possono usare sia in una vasca da bagno diluendolo con olio di jojoba per ritrovare, dopo una ventina di minuti, calma e benessere o alcune gocce in un diffusore d’ambiente per ridare armonia.
Mischiato all’olio di mandorle dolci è di aiuto per rendere la pelle elastica del corpo ma soprattutto in gravidanza per prevenire le smagliature.
Ha un ottimo impatto sulla menopausa e sindrome premestruale massaggiando il ventre.
Per chi soffre di pori dilatati ha potere astringente e tonificante sulle rughe.
A dosi consigliate non presenta controindicazioni.

La ROSA MOSQUETA importantissima e per me più conosciuta come esperienza personale, è anche chiamata anche rosa del Cile o rosa muschiata. Ha un profumo delicato ma veramente prezioso. Usata sia in cosmesi naturale sia in fitoterapia.
L’olio ha un costo medio alto, sensibile all’ossidazione, deve essere puro al 100% e proveniente da agricoltura biologica. Sulla confezione è necessario che sia indicato che è stato estratto solo con spremitura a freddo dei semi. È consigliabile tenerlo al riparo da fonti di luce e calore a temperature inferiori ai 20°C e non nel locale bagno perché in genere c’è troppa umidità (in estate riporlo in frigorifero è un’ottima soluzione).
I maggiori risultati si hanno nel combattere le rughe agendo come antiossidante per cui cura e previene sia l’invecchiamento cutaneo e contenendo betacarotene legato alla vitamina A, è importante per l’esposizione al sole. Nutre la pelle, soprattutto quella secca (anche dei capelli) e migliora lo stato delle unghie perché rinforza e riduce la comparsa delle pellicine.
Ha inoltre il retinolo e per questo motivo ha veramente poteri rigeneranti per migliorare l’aspetto di cicatrici post chirurgiche o in caso di piaghe, per smagliature ed ustioni, scottature o eritemi solari regolando la produzione di melanina. Usandolo con costanza due volte al giorno per circa un mese gli effetti si vedranno sicuramente.
Può essere adoperato sia puro oppure in sinergia con altri oli vegetali e oli essenziali per potenziarne gli effetti e migliorarne l’assorbimento oppure può facilmente aggiunto alle nostre creme cosmetiche preferite.
Ad esempio per creare un siero antirughe si può aggiungere qualche goccia di olio ess. di geranio da usare sul nostro viso e decolté. Per le mani, che sono sottoposte a mestieri manuali, aggiungere qualche goccia alla propria crema perché aiuterà a levigarle e rigenerarle.
Ad uso interno lo troviamo sotto forma di integratore (perle d’olio) che può agire sul rinnovamento dei tessuti della pelle, proteggendo il sistema cardiovascolare e del cervello.
Un’altra rosa è quella CENTIFOLIA originaria della Persia e anch’essa è un vero elisir di bellezza che vi aiuterà a coccolare la pelle.
L’importante è scegliere quello di cui più avete bisogno e farvi cullare da questo fiore così bello e pregiato tra le varie tipologie.

BELLEZZA

Maggio Colore: lilla; Fiore: Rosa; Pietra: Smeraldo

SUGGERIMENTI

Per rimanere in tema vi propongo:
The alla rosa
Ingredienti
Petali di rosa - 1 tazza, reperibili nei negozi specializzati nella vendita di tè.
Acqua - (come base invece di semplice acqua preparare un tè verde).
Miele per addolcire.
Possiamo unire anche arancia o lamponi, spezie come la noce moscata e gustarlo sia caldo che freddo dopo averlo filtrato.
I petali di rosa contengono vitamina C per cui oltre a combattere raffreddori e influenze, è anche importante per mantenere la pelle sana e luminosa, con un effetto di eliminazione delle macchie. Bere il tè alle rosa è un altro metodo per combattere questi disturbi.
Anche tra i fornelli i petali o l’acqua di rosa possono essere usati, tra risotti, secondi piatti, minestre, dolci e creme, bibite e cocktail … se soffrite di allergie, utilizzare i fiori in cucina in maniera graduale.
Acqua di rose
Ingredienti:
Circa 150 petali di rose (non trattate chimicamente).
Un litro d'acqua distillata.
Portare ad ebollizione l'acqua, immergere i petali per circa 20 minuti senza far uscire il vapore. Filtrare e conservare per una decina di giorni in un recipiente o bottiglia di vetro richiudibile e preferibilmente con pareti scure (perché la luce non danneggi la miscela) in frigorifero. Esistono vari modi per crearla, aggiungendo anche l’alcool per dolci, potrete sbizzarrirvi cercando quella più indicata per voi, comunque in qualsiasi caso sono tutte facili e semplici.

Per profumare la casa esistono i pot-pourri, un misto di petali e foglie profumate, disidratati. La fragranza può essere aumentata aggiungendo qualche goccia di essenza di rose.